Unboxing: Galaxy Defenders “Extinction Protocol” & “Operation Strikeback”

Oggi vogliamo mostrarvi un mega “spacchettamento”: ben tre scatole di espansioni verranno aperte sotto i vostri occhi, per rivelare i segreti di “Galaxy Defenders”, un gioco da tavolo prodotto da Ares Games e creato da due italiani (Simone Romano e Nunzio Surace, i fondatori di Gremlin Project) che siamo stati felici di supportare grazie alla raccolta fondi su KickStarter.
La cosa che più di tutte colpisce l’attenzione è la cura dei dettagli e dei particolari, soprattutto per quanto riguarda le miniature.

Galaxy Defenders: Extinction Protocol

L’espansione contiene un manuale con le sette missioni consigliate per utilizzare al meglio tutti gli accessori inclusi, e un manuale di istruzioni (valido anche per “Operation Strikeback”) per imparare le regole del gioco. Oltre alle mappe e ad alcuni pezzi aggiuntivi per comporre mappe dalle forme insolite, sono presenti anche numerosissimi tokens, utilizzabili come potenziamenti, armi, punti vita, ecc. Fiore all’occhiello della confezione, il set di miniature: realizzate in plastica colorata (non necessitano di essere assemblate né dipinte), suddivise per colore in base alla fazione di appartenenza: i sei eroi sono grigi, e i loro alleati (controllati dall’intelligenza artificiale) gialli; i nemici alieni sono blu e verdi, mentre i boss, ovvero la Regina Aliena e il Kingator, sono viola e molto grandi rispetto agli altri personaggi. Un mazzo di carte e due carte speciali per i boss completano il tutto e permettono, tra le altre cose, di muovere e far attaccare Master Aliens, NPCs e nemici.

Ecco come appare la scatola di Extinction Protocol, sotto le mappe e i manuali
Ecco come appare la scatola di Extinction Protocol, sotto le mappe e i manuali
Il boss Kingator, plastica viola
Il boss Kingator
Boss: la Regina Aliena, plastica viola
Boss: la Regina Aliena
Intelligenze artificiali, al servizio degli eroi, plastica gialla
Intelligenze artificiali, al servizio degli eroi
Tre degli eroi che i giocatori potranno utilizzare
Tre degli eroi che i giocatori potranno utilizzare
Gli altri tre eroi, plastica grigia
Gli altri tre eroi
I cattivi, in blu e verde. Notare le piccole, puntute uova aliene
I cattivi, in blu e verde. Notare le piccole, puntute uova aliene
Le carte che controlleranno i vostri nemici e qualche vostro alleato, sparse sul. tavolo
Le numerosissime carte dalle molteplici funzioni

 

Trovate tutte le info sulla seconda espansione e sulla Top Secret Box nella prossima pagina!

La vera storia delle principesse Disney: CENERENTOLA

KIRIA Pensante scrive: I film della Disney fanno sognare, e conservano tutti un meraviglioso lieto fine… Ma cosa sarebbe successo se la Disney avesse rispettato le fiabe originali? Le fiabe della tradizione popolare presentano più di una versione; di seguito leggete quella che conosciamo noi. Ecco la vera storia di Cenerentola. Una fiaba da sogno, che pare creata proprio per donare speranza a chi vive in una realtà infelice, forse nasconde radici molto più dolorose… Continua a leggere La vera storia delle principesse Disney: CENERENTOLA

Sherlock Holmes (non è affatto elementare, Watson!)

Elementare, Watson!

Sherlock Holmes non lo ha mai detto.

KIRIA Pensante scrive: A volte si capisce che libro sto leggendo in base alle scemenze cose che dico durante i video o le live. In questo periodo (non so se si è notato), in particolare, mi sono data alla lettura di un genere che non avevo mai gradito particolarmente: il giallo. Mi è capitato di leggere qualche giallo in passato, ma solo per dimenticarmene appena potevo. A gennaio, EL ed io abbiamo visto il film “Sherlock Holmes“, uscito nel 2009, per la seconda volta. Non ricordavo che il film fosse così bello, né che il protagonista fosse tanto interessante.

Continua a leggere Sherlock Holmes (non è affatto elementare, Watson!)

Cosa accade ad affidare dei fiori a qualcuno che non ha il pollice verde

DISCLAIMER: Le piante ci piacciono molto (al punto di mangiarle), ed è per questo che preferiamo che nessuno ce ne affidi. Per qualche ragione a noi ignota tendiamo a gettarle nell’oblio, e qualunque cosa facciamo non riusciamo proprio a farle stare bene. Neppure i cactus sopravvivono, in nostra presenza… Salvate una pianta: non affidatela agli EternaLove!

fiori trascurati si lamentano

Continua a leggere Cosa accade ad affidare dei fiori a qualcuno che non ha il pollice verde

Star Wars Disney – Parodia di “Let it Go”

La passione di EL per Star Wars e quella di KIRIA per la Disney si sono fuse insieme nella fantasia dei Box Step Production, un trio britannico che ha deciso di sostituire le parole pronunciate dalla regina Elsa mentre canta “Let it Go” con quelle che avrebbe potuto dire Anakin Skywalker poco prima di diventare Darth Vader/Lord Fener. Continua a leggere Star Wars Disney – Parodia di “Let it Go”

La vera storia delle principesse Disney: BIANCANEVE


KIRIA Pensante scrive: I film della Disney fanno sognare, e conservano tutti un meraviglioso lieto fine… Ma cosa sarebbe successo se la Disney avesse rispettato le fiabe originali? Che cosa si nasconde davvero dietro le fiabe? Le fiabe della tradizione popolare presentano più di una versione; di seguito leggete quella che conosciamo noi. Ecco la vera storia di Biancaneve. Sicuramente è meno romantica, anche se i personaggi fondamentali ci sono tutti. A proposito: scordatevi il bacio del vero amore, la fiaba dei fratelli Grimm è ben più prosaica… Continua a leggere La vera storia delle principesse Disney: BIANCANEVE

I nostri primi pancakes

Ultimamente ci stiamo dando alla cucina, ed abbiamo deciso di provare a cucinare i pancakes americani! Sono le frittelle che cucina sempre Paperino a Qui, Quo e Qua, simili alle crepes/omelette, ma più spessi e soffici. In realtà, il nome è un po’ fuorviante, in quanto i veri pancakes sono britannici, e sono più larghi e sottili, mentre i flapjacks (altro nome con cui sono noti i pancakes americani) sono dei dolcetti inglesi a base d’avena.

Sono venuti davvero buonissimi (e anche belli, come potete vedere dalla foto in cima all’articolo)! Non avevamo in casa il tradizionale sciroppo d’acero, però avevamo la crema al cioccolato e nocciole (fatta da noi), la confettura di albicocche e di fragole! Per la ricetta, ringraziamo la bravissima e simpaticissima Titli Nihaan, cuoca amatoriale britannica che prepara piatti da tutte le parti del mondo! Vi lasciamo il video grazie al quale abbiamo gustato i nostri primi pancakes. Consiglio per chi volesse provare la ricetta: rispettate le dosi alla lettera!