Denti del giudizio: ironia della sorte di una vegetariana

KIRIA pensante scrive, in preda al mal di denti: I denti del giudizio non sono altro che i quattro molari che spuntano una volta raggiunta la maggiore età (ovvero nel momento in cui si dovrebbe aver messo giudizio, infatti), ma niente vieta che possano comparire ben più tardi. La cosa bella di questi quattro denti? Sono perfettamente inutili.
Perché esistono, allora? Questi denti non sono altro che il residuo evolutivo di quando eravamo dei mezzi scimmioni con il cervello ancora piccolo ma la mascella bella grossa, pronti a divorare brandelli di carne cruda come se niente fosse. Con il passare del tempo, l’essere umano ha acquisito un maggior volume cerebrale e, con la scoperta del fuoco e della cottura, non ha più avuto la necessità di mangiare cibi duri e crudi, portando ad una riduzione della mascella. I denti del giudizio divennero ( e sono rimasti) non solo inutili, ma addirittura dannosi. Qualche fortunato non li avrà mai, ma il resto (ovvero la maggioranza) potrà solo sperare che i maledetti denti del giudizio non vengano fuori storti, non spostino gli altri denti, non creino infezioni e via dicendo.

Il motivo di tutta questa inutile dissertazione su questi inutili denti? Semplice: sono più o meno due giorni che non riesco a mangiare quasi niente e che sono sotto antibiotico a causa di un’infiammazione/infezione/chissacosa (per i più curiosi, pare si tratti di pericoronite) che mi fa venire la voglia di battere testate nel muro ogni volta che apro bocca o cerco di masticare o di inghiottire. Posso mangiucchiare solo cose che abbiano la consistenza dello yogurt, impiegando più o meno lo stesso tempo che impiega una stella per diventare una supernova.
Purtroppo il dentaccio del giudizio in questione, dopo anni trascorsi mezzo e fuori mezzo dentro la gengiva, ha deciso di volere più attenzioni da parte mia. Probabilmente dovrò toglierlo. Ecco spiegato il titolo di questo post: i denti del giudizio servivano per strappare la carne; quindi io, che sono vegetariana, che cosa dovrei farmene?