Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – TOPO MECCANICO– 18°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Sta dormendo?” sussurrò Chiara.
“Sì, mi sembra di sì. Fa anche le fusa!” rispose Luca. Piano piano, i due umani si avvicinarono a Norvy e appoggiarono un topo meccanico sul divano, davanti al suo muso, per poi allontanarsi nuovamente in modo da godersi la scena a debita distanza e pilotare il piccolo marchingegno.
Non appena il topo si appoggiò sul naso di Norvy, questi aprì gli occhi e fece un balzo tale che quasi toccò il lampadario.
“Aah! RATTI! PESTE! INFESTAZIONE! CHIAMATE LA DERATTIZZAZIONE! BRUCIATE LA CASA!” iniziò ad urlare Norvy in preda al panico, mentre Luca e Chiara quasi stavano soffocando dalle risate. Norvy si stava ancora riprendendo dallo shock, quando Luca avviò il topolino e lo fece camminare sul divano, provocando la fuga di Norvy, che corse via dalla stanza gridando come la sirena della polizia.
Alla fine gli umani, paghi di tanto divertimento, recuperarono il sorcio semovente e andarono a rassicurare Norvy riguardo la tragedia che lo aveva appena colpito.
“Norvy, era solo un topo meccanico! Stai tranquillo, non può attaccarti la peste!” disse Chiara ridendo.
“Sì, sì, ma io lo sapevo. L’avevo capito da… dalla forma delle orecchie. Erano troppo grosse! E poi puzzava troppo poco.” Rispose Norvy col fiato corto, recitando mentalmente una sequela di insulti che avrebbe fatto impallidire anche il più navigato degli scaricatori di porto.
“Ceeerto che l’avevi capito!” disse Luca “E’ per questo che sei schizzato sul lampadario, è per questo che hai emesso quell’acuto da soprano. Per spaventarlo, giusto?”
“Giusto! Per spaventarlo! Come ogni bravo cacciatore!” rispose Norvy, ancora col fiatone.
“Ma come, per spaventarlo? Ma non avevi detto di essere perfettamente conscio del fatto che il topo era fasullo?” domandò Chiara.
“Sì, infatti, ma io ho finto che fosse vero per tenermi in allenamento, casomai un giorno me ne capiti uno vero!”
“Noi ti crediamo, ovviamente. Quindi se adesso te lo lasciamo qui in modo che tu faccia pratica….” Disse Luca tirando fuori il topo da dietro la schiena.
“PORTATELO VIA! ORRORE E RIBREZZO! CHE SCHIFO! VIA, VIAAA!” gridò Norvy drizzando il pelo ed appiattendosi contro il muro.
Luca si mise il topo in tasca.
“Vi odio, vi odio, vi odio!” borbottò Norvy, quando gli umani se ne furono andati.

– FINE DICIOTTESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – ISPIRAZIONE MANCANTE– 17°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Che stai facendo?” chiese Norvy a Chiara, balzando sulla scrivania.
“Sto cercando di scrivere, ma non mi sento ispirata!”
“Sai anche scrivere?”
“Lurido gatto, secondo te?”
“Hai ragione, agli umani viene insegnato a scrivere quando sono piccoli. Ai gatti no. I gatti imparano da soli.”
“Non ho voglia di perdere tempo con le tue quisquilie, non riesco a scrivere niente di buono e sono arrabbiatissima! Anzi, visto che sei qui, vorresti darmi, di grazia, qualche consiglio su cosa dovrei fare per trovare un po’ di ispirazione?”
“Dipende soprattutto da cosa vuoi scrivere, suppongo.” disse Norvy con un ghigno.
“Non m’importa molto…” rispose Chiara, pensierosa.
“Allora non importa molto cosa fai” asserì Norvy.
“… purché riesca a scrivere qualcosa!” aggiunse Chiara, riscuotendosi dai suoi pensieri.
“Ah, per questo stai pure tranquilla, basta che non ti fermi prima di aver riempito il foglio!” disse Norvy, leccandosi una zampa.
“Mi sei di grande aiuto, ti ringrazio!” rispose Chiara, ironica.
“Non c’è di chè!” disse Norvy, sparendo sotto il tavolo.

Chiara passò circa un’ora davanti allo schermo del suo portatile, battendo furiosamente le dita sulla tastiera, finché non fu distratta dalla testa di Norvy che comparve proprio dietro il suo schermo.
“NORVY! Smetti di fare queste entrate sceniche, mi hai fatto prendere un colpo!”
“Come va? Vedo che stai scrivendo. Allora il mio consiglio è servito a qualcosa?”
“No, naturalmente.”
“Umani! Sempre così ingrati! Luca mi ha appena sgridato nonostante lo abbia aiutato a scegliere cosa mangiare per cena!”
“Immagino che abbia fatto bene, a sgridarti.” Disse Chiara, ricominciando a scrivere.”
“Ovviamente no, invece! Ha cucinato sia dei filetti di sogliola che dei totani in umido, e non sapeva cosa mandare a domani e cosa mangiare oggi. Così mi sono sbafato tre filetti di sogliola per esprimere la mia preferenza riguardo la cena di stasera.”
“Immagino che tu abbia addotto come giustificazione il fatto che i totani non perderanno sapore nonostante il soggiorno in frigorifero.”
“Esatto! Ma Luca non ha voluto ascoltarmi e ha detto che stasera mi toccherà andare a letto digiuno!”
“Digiuno non direi proprio!” rise Chiara.
“Oh, ti ci metti anche tu, adesso? Un po’ di riconoscenza, accidenti! Se non fosse stato per me, staresti ancora brancolando davanti a una pagina bianca!”
“Ne sei un po’ troppo convinto! E se ti dicessi che sto scrivendo delle storie su di te?”
“Su di me?! Fammi leggere! Fammi leggere!” gridò Norvy, balzando sulla tastiera.
“Troppo tardi! Ho spento il pc e l’ho protetto con una password a prova di gattacci!” disse Chiara, mostrando lo schermo nero.
“Umani, specie infida! Non è giusto che tu scriva cosa su di me e poi non me le mostri!”
“Se vuoi cercherò di convincere Luca a darti qualcosa da mangiare, ma tu devi promettere che lascerai in pace il mio computer!”
“E va bene, va bene… posso avere un assaggino di totani, adesso?”
“Vedremo!” disse Chiara, prendendo Norvy in braccio e portandolo in cucina.

– FINE DICIASSETTESIMA PUNTATA-

Chiara

P.S.: Questa puntata contiene un’evidente citazione letteraria. Chi riesce a trovarla? 🙂

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – IL RITRATTO– 16°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Ho detto di no.” Ripetè Chiara per la decima volta nell’ultimo minuto.
“Ma come no! È un immenso onore che ti sto facendo!” replicò Norvy.
“Grazie, ma no. Non sono brava a disegnare gli animali, non ti piaceresti e ti lamenteresti tutto il giorno!”
“Voglio un mio ritratto!”
“Ho detto che non lo farò. Hai idea di quando sia difficile disegnare un essere che non sta fermo neanche tre secondi? Se vuoi posso provare a ritrarti a partire da una foto, se ci proprio ci tieni.”
“Ma che foto! Voglio un ritratto dal vivo!”
“E allora te lo fai da solo! Non starai fermo un attimo, ti conosco.”
“No, no! Starò fermo! Immobile! Una statua!”
Alla fine Chiara, snervata dal fetido felino, acconsentì a compiere l’oscena impresa. Per prima cosa fece accomodare Norvy su una sedia, e spese almeno cinque minuti per convincerlo che una posa in stile Napoleone, con una zampa sullo stomaco, non si addiceva a un gatto, e altri cinque per persuaderlo a non includere elementi bellici. Una volta che gli ebbe fatto assumere una posizione decente, si pose di fronte a lui con il blocco da disegno sulle ginocchia. Come Chiara aveva previsto, il concetto di Norvy riguardo lo stare immobile come una statua divergeva molto dal suo.
“Vuoi stare fermo?! Come credi che riesca a disegnarti se ti muovi?”
“Ma mi prude la coda! La devo grattare!” rispose Norvy lisciandosi la coda.
“Hai finito? Ok. Adesso sta’ buono. NO! NON TI LECCARE IL PELO PROPRIO ORA!”
Dopo venti, infernali, minuti, Chiara era sull’orlo di una crisi di nervi. Anzi, di Norvy.
“Oh, stai facendo il ritratto a Norvy? Buona fortuna! Fa vedere…” disse Luca, passando di là e sbirciando sul foglio.
Chiara sussurrò a denti stretti: “Io lo ammassho, qul hatto, prima o poi”
“Norvy, spero ti piaccia la pittura astratta.” Sentenziò Luca.
“Astratta? Intendi quella che ti fa schifo?”
“No, intendo dire che tu, come gatto, sei la quintessenza della bellezza. Nessun disegno potrebbe rendere giustizia al tuo magnifico portamento, alla tua principesca espressione, al reverenziale rispetto che la tua figura incute nel prossimo. Chiara ha umilmente tentato di sintetizzare in un foglio ogni tua singola virtù, ma come può un umano compiere tale opera?”
Norvy rimase talmente affascinato dalla spiegazione di Luca che accettò di buon grado persino il ritratto sgangherato che gli aveva fatto Chiara, e andò tutto contento ad appendere il disegno nella sua stanza.
“Alla faccia tua che mi accusi sempre di parlare troppo!” disse Luca a Chiara, quando furono rimasti soli.
“Va bene, te lo concedo, stavolta sei stato d’aiuto e te ne sono grata. Ma che non diventi un abitudine! Se lo continui a lodare così tanto, chissà cosa si metterà in testa… sai che voleva che lo ritraessi su un panzer?!”
“Ma cosa abbiamo sbagliato con quel gatto?!”

– FINE SEDICESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – LA FOTO– 15°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Norvy, ti spiacerebbe venire qui un momento?” disse Luca, tenendo qualcosa nascosto dietro la schiena.
Norvy, con la bocca piena di suoi peli, rispose: “Szì? Tze tzh’è?”
“Ci è arrivata una mail del tuo allevatore, ti ricordi di lui?”
“Ah szì? E che vuole?”
“Ci ha chiesto come stai e vorrebbe una tua foto.”
“Che si impicchi!”
“Dai, che ti costa! Stai un attimo fermo così ti faccio una bella fotografia.” Disse Luca tirando fuori la macchina fotografica.
“Neanche per sogno!”
“Ci ha detto di dirti che i tuoi genitori stanno bene e che i tuoi fratelli sono tutti felici nelle loro nuove famiglie.”
“Bene, mi fa piacere per loro. Ma niente foto!”
“E dai! Che vuoi che sia?”
“Ho detto di no! Quel tizio mi ha sempre odiato: non mi permetteva di dormire in camera sua, mi obbligava a utilizzare la lettiera puzzolente che usavano anche i miei fratelli e mi dava da mangiare dei croccantini schifosi! Non lo sopporto!”
“Ma non ti costa niente!”
“Ho detto no!” disse Norvy deciso.
“Stasera pensavo di cucinare dei filetti di sogliola… vuol dire che li mangerò tutti da solo…”
“Sogliola? Potevi dirlo subito?!”
Norvy balzò su una sedia per mettersi in posa, mentre Luca accese la fotocamera.
“Potresti non mostrare i denti, per favore?” chiese Luca, osservando l’inquietante sorriso dentato di Norvy.
“Ora rimetti gli artigli a posto, grazie… No, non devi soffiare all’obiettivo!”
“Non è colpa mia!” disse Norvy, stizzito “Ogni volta che ripenso a quell’allevatore mi viene da soffiare!”
“Ora non farlo! Dai, guarda qui… anzi, guarda da un’altra parte… non fare la linguaccia! Non fare gestacci con le zampe… no, no, così lo spaventi! Oh, basta, ci rinuncio! Ho fatto qualche foto, me le farò andare bene!”

“Amore, hai spedito all’allevatore le foto di Norvy?” chiese Chiara più tardi.
“Sì. In una sembra uno zombie, in una lo Stregatto e nell’altra un demone evocato durante un rituale di magia nera. Ah, gli ho mandato anche quella in cui sembra un vampiro. L’allevatore ha detto che di solito gli dispiace vendere i suoi gattini ma che Norvy è stato un’eccezione. Mannaggia a lui!”
“Ma dai, tutto sommato Norvy non è male. È pestifero, è vero, ma è molto meglio di qualunque gatto normale. Voglio dire, con lui puoi addirittura fare una conversazione intelligente!”
“TI HO SENTITO! TI HO SENTITO! Allora mi vuoi bene! Allora mi vuoi bene!” disse Norvy, sbucando dal mobile dietro cui si era nascosto per spiare gli umani.
Chiara prese in braccio Norvy e lo accarezzò sulla schiena: “Certo che ti vogliamo bene, anche se dovresti comportarti un po’ meglio con noi!”
“Ma è il mio modo per dimostrare il mio affetto! I miei dispetti sono un modo per dirvi che vi penso!”
“E allora pensaci un po’ meno!” rispose Luca, ridendo.

– FINE QUINDICESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – GELATINE ALLA FRUTTA– 14°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

Chiara e Norvy erano seduti sul divano, intenti a giocare a sette e mezzo. Poco dopo la decima vittoria di Norvy, Luca tornò a casa, posò un sacchetto sul tavolo e si ritirò con Chiara nello studio per finire un lavoro la cui scadenza era fissata per l’indomani.
Norvy iniziò a sentire un’irresistibile curiosità. Si assicurò di essere solo, balzò sul tavolo e iniziò a trafficare nel sacchetto, tentando di estrarne il contenuto.
Si trattava di una scatola priva di scritte, piena di caramelle gelatinose confezionate singolarmente. Norvy fece del suo meglio per prenderne una verde, scartarla e ficcarsela in bocca. Se ne pentì dopo un nanosecondo.
Il canino destro di Norvy si conficcò dritto nella caramella, e ogni tentativo che fece per liberarsene fu vano. Provò a bere dell’acqua, versandone più a terra che nella sua bocca, tentò di mordere qualcosa, decise persino di succhiare via la caramella (che aveva pure un sapore orribile). La caramella era ancora lì, inchiodata al suo posto. Disperato, cercò di mangiare un biscotto per gatti, peggiorando solo la situazione: il biscotto andò ad incollarsi contro la gelatina insalivata impedendo a Norvy di chiudere la bocca.
“AHUUUOOO! AHUUUOOO!” gridava, correndo come un pazzo per tutta la cucina. Gettò per terra le pentole sporche accanto al lavandino, ribaltò una sedia, rovesciò una bottiglia d’acqua sul piano cottura, fece crollare la scopa sopra lo sportello aperto della lavastoviglie e ruppe un paio di bicchieri.
“MA INSOMMA, SI PUO’ SAPERE CHE STA SUCCEDENDO?!” urlò Chiara, uscita dallo studio e venuta a vedere cosa stesse combinando il lurido gatto.
Rimase per un attimo interdetta dal soqquadro che si era impadronito della cucina, ma riuscì ad acchiappare Norvy al volo quanto prima, per consegnarlo a Luca, alle sue spalle.
Norvy non oppose resistenza, ma mostrò la bocca in segno di resa.
“Ma che… ti sei messo a mangiare le gelatine? Ne hai una incastrat… bleeeh! Che cos’è questo schifo?!” disse Luca alludendo alle briciole di biscotto incollate sulla caramella.
“Guarda come ha ridotto questa stanza! Lasciamolo così!” suggerì Chiara.
“NOOOOO! ‘I ‘REGO! NOOOO!” cercò di dire Norvy.
“Non so se è una buona idea, potrebbe combinare di peggio.” Rispose Luca. Poi si rivolse a Norvy “E va bene, gattaccio, ora stai qui buono che ti libero. Ma non credere di passarla liscia! Hai demolito mezza cucina!”
Luca si mise un guanto di lattice e riuscì a togliere la caramella dal canino di Norvy.
“Adesso è l’ora che tu riceva la punizione!” sentenziò Luca. “Non dovresti MAI prendere le cose senza permesso perché potresti rischiare delle brutte sorprese. Questa volta ad esempio, sai cosa hai osato mettere in bocca? Delle gelatine per CANI! Le ho comprate per il bracchetto della nostra vicina, la signora Berlocchi! E tu ne hai quasi mangiata una!”
“COOOSA?! IO?! IO HO MANGIATO UNA COSA DESTINATA A UN CANE SCHIFOSO?! ONTA E DISONORE A ME, ONTA E DISONORE A MEEEE!”
Norvy scappò in camera sua e si chiuse dentro a chiave.
“Così queste sarebbero gelatine per cani, eh? Ma com’è che Norvy se le beve tutte, le sciocchezze che gli racconti?” disse Chiara scartando una caramella.
“Ho pensato che questo gli farà venire una sana fifa dei sacchetti dal contenuto ignoto.” Disse Luca, prendendo una caramella a sua volta.
“Oh, questo è certo. Vorrà lavarsi la bocca con il sapone di Marsiglia! “ rise Chiara.
“O con dello shampoo per cani!”

– FINE QUATTORDICESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – IL CACCIATORE– 13°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

Norvy, con il pancino pieno dopo una scorpacciata di triglia al forno, sonnecchiava sul davanzale della finestra aperta del salotto, quando d’un tratto un rumore lo costrinse ad aprire gli occhi. Un passerotto stava cinguettando su un ramo a un solo metro di distanza dal davanzale.
In un istante, un’idea malsana balenò nel cervello di Norvy.
“E se provassi a prenderlo?” si chiese. “Non ho mai cacciato prima, ma i gatti sono abilissimi cacciatori. Ho dei denti aguzzi e delle unghie affilate… al momento rivestite di rosa, che schifo, ma sono pur sempre un gatto. Quasi quasi ci provo… aspetta, com’è che si fa? Com’è che faceva la mamma?”
Norvy abbassò la pancia e la testa, tenendo lo sguardo fermo sul passerotto; iniziò ad ondeggiare con la parte posteriore del corpo, cercando di calcolare le distanze e prendendo bene la mira.
Quando si sentì pronto, distese le zampe posteriori per spiccare un salto ma qualcosa lo bloccò e gli impedì di portare a termine il suo agguato. L’uccellino finalmente si accorse di essere sotto tiro e volò via.
Norvy si voltò e si accorse che ciò che l’aveva trattenuto altro non era che la mano di Chiara, saldamente stretta intorno alla sua coda.
“Cosa credevi di fare, eh, gattaccio?”
“Io sono un grande cacciatore! E tu mi hai fatto scappare la preda, umana insolente!”
“Ma cosa pensavi di fare?! Hai mangiato come un porcellino, a pranzo! Non hai bisogno di infastidire gli uccelli!”
“Ma che vuoi capirne, tu! La caccia per noi gatti è istintiva, è un legame ancestrale con la natura stessa!
“La caccia è istintiva, eh? Allora come mai quando Luca gioca con il tuo topo meccanico, tu scappi come un forsennato sopra il tuo armadio, invece di provare a prenderlo?”
“CHE C’ENTRA! Quello è brutto e rumoroso! Io parlo di prede vere, che scappano, che fanno provare il vero brivido della caccia, che ti lasciano in bocca il sapore della selvaggina fresca!”
“Ieri Luca ha cotto la tua braciola per trenta secondi in meno del solito e tu hai scatenato un finimondo perché in un punto era appena rosata, e l’hai costretto a ricuocerla. Lo sai che in natura i gatti mangiano solo carne cruda, vero?”
“IN NATURA I GATTI NON HANNO A CHE FARE CON UMANI ROMPISCATOLE CHE BLOCCANO I LORO AGGUATI E INCOLLANO SCHIFEZZE ROSA SULLE LORO UNGHIE!”
“D’accordo, mi hai convinta. Adesso ti tolgo i gommini. Però non ti daremo più di mangiare. Sei un gatto quasi adulto, è ora che ti procacci da solo il cibo. Ratti, uccelli, talpe, lucertole, là fuori è pieno di prede che aspettano solo di finire nel tuo stomaco. Ah, povero Luca, adesso chi mangerà le sue sogliole al piatto? Chi mangerà i suoi branzini arrosto? E soprattutto, chi dividerà con lui quelle enormi teglie di lasagne che grondano sugo da ogni parte? Ma tu sei un grande cacciatore, tu non perdi certo tempo con queste frivolezze da micio domestico. Su, dammi la zampa, che ti tolgo questi cosi rosa; i tuoi artigli saranno le tue armi, devono essere lucide e appuntite per la battuta di caccia che ti attende!”
Norvy, con sguardo terrorizzato , iniziò a balbettare: “Ripensandoci… Credo proprio che tu abbia ragione. Perché dovrei dare fastidio a quei poveri uccellini? Non mi hanno mica fatto niente di male! E poi non trovi che il rosa mi doni?” aggiunse guardandosi le zampe. “E’ una tonalità così delicata, mi sta d’incanto! E poi non vorrei che Luca perdesse la passione per la cucina a causa mia, oh no, non lo permetterei mai! Soprattutto oggi che voleva cucinare il sugo di vongole… ehm, volevo dire, sarebbe crudele da parte mia togliergli il gusto di cucinare!”
Chiara sorrise e accarezzò Norvy sulla testa.
“Se ti ripesco a dare la caccia agli uccellini mangerai broccoli per una settimana, intesi?”
Norvy deglutì e fece cenno di sì con la testa.
“Adesso siediti qui con me, è ora della spazzolata.”
Dopo qualche minuto, un altro uccellino si posò sul davanzale. Norvy si voltò verso di lui e gridò: “VAI VIA!”.
L’uccellino fuggì in un baleno.
“Così va bene?” chiese Norvy con un sorriso ironico.
“Così va bene!” rispose Chiara, ricominciando a spazzolarlo.

– FINE TREDICESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – MANICURE – 12°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Io lo strozzo, quel gatto!” esclamò Chiara di fronte all’ennesimo rotolo di carta igienica distrutto. Brandelli di carta giacevano ovunque sul pavimento, e i pochi fogli ancora interi recavano dei profondi solchi causati dagli artigli di Norvy.
“Non volevo arrivare a tanto, ma mi ha costretto! Amore, vammi a prendere quella cosa.”
“Quella? Sei sicura? Non staremo esagerando?”
“Francamente, me ne infischio. Consideralo un incipit della mia campagna punitiva/vendicativa verso di lui!”
Luca andò a prendere quella cosa, mentre Chiara preparò un agguato per Norvy: sparse dell’erba gatta sul divano ed attese, appostata dietro lo schienale. Luca la raggiunse e si nascose con lei.
Dopo qualche minuto, Norvy, venuto in cucina per prendere da bere, notò l’erba e iniziò a rotolarcisi in mezzo senza notare gli umani, che un attimo dopo gli furono addosso e lo immobilizzarono per bene.
“COSA VOLETE DA MEEE?!” urlò Norvy tentando di dimenarsi, invano. Luca lo teneva ben stretto per le zampe.
“Ho deciso di porre fine alla strage di carta igienica che si consuma ogni giorno nel bagno! Più e più volte ti abbiamo detto di smetterla, ma tu no, non ha voluto ascoltarci! Adesso la pagherai! Spero che ti piaccia il rosa…”
“Il rosa? Odio il rosa! Che c’entra il rosa? Non vorrai… non sono mica… NOOO! NOO!”
Chiara tirò fuori una scatolina trasparente: al suo interno c’erano quaranta gommini rosa creati apposta per rivestire le unghie dei più pestiferi e indisciplinati animali domestici, dei minuscoli guanti per artigli maleducati. .
“E smetti di agitarti, te la sei cercata! Vedi questi gommini? Una volta posizionati rimarranno al loro posto per almeno un mese! Non potrai più distruggere la carta igienica, le tende, il divano, l’armadio, il letto, i peluche, niente di niente! Le tue unghie saranno completamente rosa e INERMI!”
Impiegando circa il doppio del tempo previsto dalle istruzioni a causa della mancata collaborazione di Norvy, finalmente Chiara piazzò anche l’ultimo gommino rosa. Luca lasciò andare Norvy, che subito cerco di strappare i gommini a morsi, se pur senza successo.
“Sono incollati, non verranno via se non te li toglie qualcuno! E noi non lo faremo!” sogghignò Luca, che sotto sotto provava un po’ di pena per il povero micio.
“VI ODIO! VI ODIOOO! UMANI MALEDETTI! LA PAGHERETE CARA!” gridava Norvy tentando invano di prendere a unghiate una sedia.
“Vuoi un paio di polpette?” domandò Luca, con voce calma.
“Sì, grazie, ma non scaldarle troppo!” rispose Norvy, sedendosi a tavola per aspettare le polpette.

– FINE DODICESIMA PUNTATA-

Chiara

P.S.: Questi gommini rosa esistono davvero! Si chiamano “Soft Paws” e sono disponibili per cani e gatti.
Vanno applicati con una colla atossica e rimangono in posizione per varie settimane, senza provocare dolore agli animali che li indossano. Possono essere particolarmente utili in caso di gatti aggressivi o scapestrati, come Norvy, che vivono in casa ed escono di rado.
I gommini sono stati inventati per arginare il “declawing”, un’operazione chirurgica legale in molti paesi del mondo che prevede l’asportazione definitiva degli artigli dei gatti tramite l’amputazione dell’ultima falange. I gatti che subiscono questa operazione non potranno mai più arrampicarsi, cacciare o alleviare lo stress su un tiragraffi. In Italia il declawing è illegale e considerato crudele verso gli animali.

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – IL GATTO VAMPIRO – 11°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Amore, che ha quel gatto, adesso?” chiese Luca, guardando di sbieco Norvy.
“Oh, ti riferisci al fatto che ha passato gli ultimi tre quarti d’ora gettandosi dalla credenza e sbattendo le zampe come se fossero ali?” rispose Chiara con noncuranza.
“Sì, sì, mi riferivo proprio a quello. Perché fa così?”
“Domandaglielo.”
Luca si avvicinò a Norvy e seguì il consiglio di Chiara. “Norvy, si può sapere che ti è preso?”
Norvy, dopo l’ennesimo tentativo di volo fallito, tentò di alzarsi sulle zampe posteriori, si coprì il muso con la zampa destra, tentando di risultare teatrale, estrasse un libro da sotto il divano con la zampa sinistra e disse “Io sono il conte Dracatula, vampiro della Norvegia! E questo libro ne è la prova! Ho i canini lunghi, odio l’aglio e odio il sole! È la prova! È la prova!”
“Oh, questa è buona.” esclamò Luca. “Dovresti proprio nasconderli, i tuoi dannati libri!” disse poi rivolto a Chiara, che in quel momento stava giusto esaminando la libreria e constatando la presenza di uno spazio vuoto.
“Sì, credo che dovrei farlo. Se trovo un altro libro con un una pagina spiegazzata darò di matto!” rispose Chiara.
Norvy, rendendosi conto che nessuno gli stava prestando attenzione, si esibì in una scenetta degna di un consumato attore teatrale: tirò fuori da sotto il divano un mantello nero (ovvero una maglietta di Luca), che si appuntò alla gola, e mostrò i canini, rivendicando con convinzione il suo status di nobile principe della notte.
Luca e Chiara si scambiarono un’occhiata e sospirarono.
“Lo sai cosa mangiano i vampiri, vero?” chiese Chiara.
“Certo! Succhiano il sangue delle loro vittime direttamente dal collo! Chi di voi due vuole essere la mia prima vittima?”
Luca aprì bocca per rispondere, ma Chiara gli fece cenno di tacere, e rispose al suo posto: “I vampiri moderni bevono il sangue direttamente dalla tazza: non vorrai rischiare di rovinare la punta dei tuoi bellissimi canini cercando di infilzare una parte del corpo dura come il collo, vero? Se ci dai un attimo, andiamo di là e ti portiamo un po’ di sangue umano, d’accordo? Un po’ del mio e un po’ di quello di Luca.”
“Va bene, vi aspetto!” Norvy si acciambellò sul divano e guardò i due umani allontanarsi.
“Ma ti ha dato di volta il cervello?” borbottò Luca, quando furono fuori dalla portata di Norvy.
“Ssssh, sta a sentire. Adesso io…” rispose Chiara, sussurrando nel suo orecchio.
“Aaaah, geniale!” disse Luca con un sorriso.

Qualche minuto dopo, gli umani furono di ritorno: Chiara reggeva un piattino pieno di un caldo liquido rosso scuro che porse a Norvy.
Norvy vi immerse appena la lingua ed esclamò: “Ma che schifo! È amarissimo! Ma come fanno i vampiri a bere questa roba?!”
“Esatto, i vampiri ci riescono! Tu no: sai cosa significa questo?”
“Sigh… allora non potrò mai diventare un pipistrello e svolazzare intrepido nella notte…” esclamò Norvy sconsolato.
“No, ma se vuoi più tardi puoi vedere la TV con noi, d’accordo?”
“Ok!” disse Norvy. Dopo pochi istanti, scosso dall’emozione di non essere un vampiro, crollò addormentato.
Chiara tornò in cucina e versò in una tazza un po’ dello stesso liquido rosso che aveva fatto assaggiare a Norvy, e iniziò a sorseggiarlo.
“Bleah, non capirò mai come fai a bere quella roba senza un briciolo di zucchero!” disse Luca.
“In effetti all’inizio non è il massimo, ma dopo un po’ ti abitui. Il karkadè contiene molta vitamina C, bevine un po’ anche tu!” disse Chiara, versando un del karkadè anche per Luca, il quale aggiunse almeno tre cucchiaini di zucchero.
“Dici che se l’è bevuta?” sussurrò Luca.
“Oh, sì…. Letteralmente!”

– FINE UNDICESIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – IPNOSI – 10°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

Luca e Chiara stavano riordinando la cucina dopo aver pranzato, mentre Norvy, disteso sul divano, era immerso nella lettura di un libro che Chiara non ricordava neanche di avere.
Nessuno si accorse che Norvy aveva trafugato una collana con pendente dalla camera da letto, e soprattutto nessuno fece caso al suo strano borbottio. Luca e Chiara erano abituati a certe stranezze feline, e non vi prestavano più molta attenzione.
D’un tratto, Norvy si sollevò sulle zampe posteriori, facendo ondeggiare la collana con la zampa destra: “Umani! Guardatemi!”.
Luca e Chiara si voltarono, scocciati, ma bastò un’occhiata per capire cosa Norvy stesse cercando di fare.
“Umani, guardatemi attentamente! Voi avete sonno, moooolto sonno. Le vostre palpebre sono pesanti, pesaaanti. Adesso voi vi addormenterete, e quando miagolerò esaudirete ogni mio desiderio.”
Chiara si sedette su una sedia e cadde improvvisamente addormentata. Dopo qualche secondo di indecisione, anche Luca fece altrettanto. Norvy non notò il ghigno sarcastico sul viso dell’umana.
“Ha funzionato! Ha funzionato! Adesso posso far fare loro quello che mi pare! Ah…ehm… oh, sì! Umani, svegliatevi! Miao!”
Chiara e Luca aprirono gli occhi, rivelando uno sguardo perso nel vuoto, e risposero, in coro: “Comanda, padrone.” .
“Bene, bene! Luca, voglio del pesce in umido! Chiara, pettinami il pelo e recitami una poesia!”
Luca si mise a trafficare nel frigorifero, mentre Chiara si avvicinò a Norvy e iniziò a spazzolarlo come richiesto.
“Ahi. Ahi. Mi stai tirando il pelo! Ahi! Smettila! Smettila subito!” si lamentò Norvy.
“Sì, padrone.” Rispose Chiara.
“Suvvia, almeno questa poesia?”
Forse perché dell’inquietudine tu sei l’immago, a me sì poco caro vieni, o gatto! E quando tu divori lieto sogliole arrosto e lasagne al sugo….
“Non mi piace questa poesia. Recitane un’altra.”
Tanto cattivo e disonesto pare, il gatto mio quand’egli altrui insulta…
“No, nemmeno questa mi piace! Un’altra!”
Sempre perfido fu quest’ermo gatto, con il suo pelo che trovo da ogni parte…
“Oh, ma basta! Che poesie sono queste?! Luca, almeno tu, hai finito?”
Luca si diresse verso di lui con un vassoio, che rovesciò addosso a Norvy, inzuppandolo completamente.
“Ma che…?” esclamò Norvy esterrefatto.
“Come hai ordinato tu! Volevi essere umido!”
“Non io, umano imbecille! Il pesce doveva essere in umido! Bah, lasciamo perdere. Chiara, portami a letto, in fretta. E tu, Luca, portami dei biscotti. Un bel piatto di biscotti!”
Chiara afferrò Norvy e iniziò a saltellare per tutto il corridoio, ignorando le proteste di Norvy a ogni sobbalzo. Poi aprì le braccia e lasciò cadere Norvy senza preavviso, facendogli prendere un colpo. Pochi minuti dopo arrivò Luca con un piatto pieno di biscotti.”
“Oh, finalmente qualcuno che esegue le richieste! Ehy, aspetta un momento. Che cos’è questa roba?” chiese Norvy, insospettito dall’aspetto strano dei biscotti.
“Sono biscotti di ceramica. Non sono bellissimi? Sono dipinti a mano, uno ad uno! Come hai chiesto tu, un piatto di bei biscotti!” rispose Luca con un sorriso.
“No, no, NO! Non ho chiesto… Uff. devo aver sbagliato qualcosa nella procedura. Luca è più rintronato del solito e Chiara è ancora più infame! Come devo fare a svegliarvi, ah sì! Adesso voi vi addormenterete!”
Luca e Chiara crollarono sul divano all’istante.
“Al mio tre vi sveglierete e non ricorderete più niente! Uno… due… tre!”
Luca e Chiara si alzarono immediatamente. “Ma che ci facciamo qui?” chiese Luca, sorpreso.
“E perché Norvy è tutto bagnato? Qui, micio micio micio….” Disse Chiara.
“NO! NO! BASTA CON QUEL DANNATO PHON!”
Per Norvy quella fu una pessima giornata. L’ipnosi non era andata a buon fine e si beccò pure un’asciugatura imprevista.

– FINE DECIMA PUNTATA-

Chiara

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – NORVY, REGINETTA DI BELLEZZA – 9°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

Luca e Chiara avevano appena finito di registrare un video. L’innaturale silenzio che regnava nella casa destò in loro più di un sospetto. Il silenzio totale poteva significare solo due cose: o Norvy stava dormendo o stava combinando un guaio, e l’esperienza aveva insegnato loro che nove volte su dieci si trattava della seconda ipotesi.
Norvy era seduto sul divano, e gli umani poterono vedergli solo la schiena. Quando si voltò per guardarli, Chiara riconobbe subito la sfumatura fucsia del suo rossetto sul pelo di Norvy, la tonalità rosa del blush e delle rigacce fatte con il mascara, per non parlare delle zampate di fondotinta in polvere. Luca avrebbe volentieri riso, ma temeva di risvegliare in Chiara un’ira ancora più possente di quella che già si era impossessata di lei. Tutti i suoi trucchi giacevano ai piedi di Norvy, aperti e malmessi. La fodera del divano era una macchia unica di varie tonalità, dal pallido beige della cipria al viola dell’ombretto. Tutto contaminato dalle zampacce luride di Norvy, tutto da buttare. E il divano era uno schifo, e Norvy magari si era anche messo a mangiare qualcosa e avrebbero dovuto chiamare il veterinario.
“Oh, scusa, non te li ho chiesti, mi servivano i tuoi cosmetici!” disse Norvy allegro “Stavo guardando un video tutorial di trucco e ho voluto fare un tentativo! Comunque dovresti comprare più ombretti, e magari delle ciglia finte e dell’eyeliner, non si può pretendere che faccia un buon lavoro senza gli strumenti giusti!”
“Norvy, vattene” sussurrò Luca. Ma Norvy non sentì.
“Norvy” disse Chiara con la voce spezzata da una vena di follia “hai forse mangiato per sbaglio qualcosa?”
“Che? Sì, ho mangiato un paio di biscotti per gatti…”
“No, parlo dei trucchi. Hai mangiato qualcosa?”
“Ma che sono scemo? Certo che no! Non ho avvicinato niente alla bocca, questa roba ha un odore tremendo!”
“Quindi non devo chiamare il veterinario?”
“No, tranquilla! Grazie per preoccuparti della mia salute! Ora però andate via che voglio finire il tutorial.”
Chiara lanciò a Norvy un sorriso uguale a quelli che Joker riserva a Batman. Sparì per qualche minuto, trascinando via Luca, e ricomparve puntando dritto alla schiena di Norvy con un getto d’acqua ghiacciata proveniente da un grosso fucile ad acqua.
“AAAAH!” urlò Norvy schizzando in aria come un proiettile. “Ma che diavolo fai?!”
“TI INSEGNO IO A PRENDERE LE MIE COSE SENZA PERMESSO, VERME PELOSO!”
Chiara rincorse Norvy per tutto il pomeriggio, e Luca li seguì tenendosi a distanza per non essere coinvolto nella sparatoria, giusto per asciugare il pavimento.
La serata si concluse con un Norvy fradicio, che Luca dovette asciugare con il phon, una casa che sembrava un campo di battaglia e una Chiara che soffiava come un gatto con la rabbia.

– FINE NONA PUNTATA-

Chiara