KIRIA scrittrice è tornata con un racconto breve: “La rosa sulla lapide”

Ho letto di recente delle cose che mi hanno colpito molto. Uno dei film che mi ha più commosso tra quelli che ho visto è senza dubbio “La sposa cadavere” di Tim Burton, in cui viene raccontato l’intreccio matrimoniale tra un vivo e una morta. Ho scoperto che in realtà in Asia vengono effettivamente praticati dei matrimoni tra vivi e morti, o anche tra morti. In Cina, quando un ragazzo muore celibe, la famiglia si sente in dovere di trovare una ragazza morta con cui seppellirlo, mentre a Taiwan le ragazze nubili morte vengono date in spose a chi sarà abbastanza misericordioso da accettare il matrimonio con un cadavere. Gli uomini sposati a queste donne saranno comunque liberi di risposarsi, ma dovranno per sempre considerare le defunte come le loro prime mogli. Questa cosa mi si sta rigirando in testa da qualche giorno. C’è qualcosa di tragico ma estremamente romantico in tutto questo, è l’ennesima unione dell’Amore con la Morte, di Eros e Thanatos… Insomma, tra un pensiero e l’altro ho scritto questo racconto. Non è niente di che, ma mi andava di scriverlo. Spero vi piaccia!

La rosa sulla lapide

“Chi sei?” sussurrò una voce femminile.
“Chi sei tu, piuttosto! Io credevo di essere da solo!” rispose un ragazzo in un vicolo, nei pressi di un cimitero.
“Dovresti chiedermi chi ero, non chi sono.” rispose la voce.
“Chi eri?” domandò lui.
“Non lo so. Non me lo ricordo più. È passato tanto tempo da quando respiravo ancora. Non dovresti girare da solo di notte. Fa molto freddo e tu sei ammalato.”
“Come fai a saperlo?” domandò lui, toccandosi il petto.
“I tuoi polmoni… Anche io avevo la tua stessa malattia, sai? Ma tu guarirai, stai sereno. E’ lontano il tempo in cui le tue ossa toccheranno la terra. Ascoltami, ti prego! Ho bisogno d’aiuto, o resterò per sempre intrappolata in questo mondo!”
“Non sei umana, dunque?” chiese lui, spaventato.
“Lo ero. Lo sono ancora, in parte. Non me ne posso andare. Mia madre, sul suo letto di morte, mi ha fatto promettere che mi sarei trovata un bravo marito. Invece ho abbandonato il mio povero corpo senza portare a compimento quel voto. Non posso lasciare questa terra da sola, senza un uomo a cui rivolgere il mio ultimo sospiro.”
“Sei morta, dunque?”
“Sì. Non preoccuparti, è stato facile. Non mi ha fatto male. Sono scivolata dalle braccia del sonno a quelle della morte senza neppure accorgermene. Puoi aiutarmi?”
“Cosa posso fare per te?” chiese il ragazzo, con la voce rotta dalla commozione.
“Puoi trovare qualcuno che mi voglia come sposa? Non ho niente da offrirgli, se non quell’unica lacrima che i miei occhi traslucidi potrebbero ancora piangere per ringraziarlo. Cresce una rosa sulla mia lapide. Guarda alle tue spalle. E’ lì che giace quel poco che resta di me.”
Il ragazzo si voltò e vide la tomba. Era spoglia, di pietra, senza iscrizioni. Solo una rosa rossa e perfetta adornava quella lapide immemore.
“Perché non c’è scritto il tuo nome?” domandò il ragazzo.
“Nessuno sapeva chi fossi. Ero sempre in viaggio, che ci fosse il sole, la pioggia o il vento. Morii la notte in cui giunsi in questo paese. Mi seppellirono senza pianti e senza dolore. Il mio solo conforto fu quel fiore che mi donò la piccola figlia del becchino. È l’unico gesto d’amore che mi ha accompagnato verso la mia nuova esistenza. Ero sola da viva e lo sono anche da morta. Quando ti ho visto mi hai ricordato la luce del giorno che ho perduto per sempre. Sei così bello, con quei capelli biondi come l’oro e gli occhi così chiari. Non oserei chiederlo, ma… mi vorresti come moglie?”
“Sposarti è l’unico modo per renderti libera di lasciare questa terra?”
“Sì, ma solo se mi farai una promessa. Devi promettermi che prenderai quella rosa e che la terrai sempre con te. Non appassirà fino al giorno in cui tu non la getterai via.”
“Devo confessarti che io sono promesso a un’altra donna…” disse il ragazzo.
“Non è importante. Potrai sposare la tua fidanzata, purché tu continui a pensare a me come alla tua prima moglie.”
Il ragazzo tacque per qualche secondo.
“Se solo mi avessi conosciuta in vita, forse mi avresti potuta amare. Sapevo suonare molto bene il violino, sai? La musica era tutto ciò che mi rallegrava. Ballavo e cantavo per tutte le persone che conoscevo durante i miei viaggi. Forse ti avrei scritto una canzone.”
“Voglio aiutarti.” Sussurrò il ragazzo, inginocchiandosi davanti alla rosa.
“Vuoi davvero farlo?” sussurrò la voce, speranzosa.
Il ragazzo colse la rosa e la strinse tra le mani.
“Conserverò per sempre il tuo ricordo, penserò a te come alla mia prima sposa e terrò per sempre con me questa rosa.” Disse il giovane.
Una bella ragazza comparve davanti a lui, proprio sopra la lapide. Indossava una veste candida che in pochi istanti diventò scarlatta e fulgida. La fanciulla lo guardò con i suoi grandi occhi neri e gli sorrise, senza dire una parola. Una lacrima scese lungo la sua guancia. Il giovane uomo, con gli occhi spalancati dalla sorpresa, allungò la mano per toccare quella visione diafana. Per pochi secondi, le loro dita si incrociarono. La sposa posò un bacio evanescente sulle labbra di colui che l’aveva liberata.
“Grazie” sussurrò, scomparendo nel nulla.
Il ragazzo si guardò la mano sinistra. Laddove avrebbe dovuto trovarsi l’anello nuziale, brillava l’ultima lacrima della fanciulla fantasma.

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – MANICURE – 12°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“Io lo strozzo, quel gatto!” esclamò Chiara di fronte all’ennesimo rotolo di carta igienica distrutto. Brandelli di carta giacevano ovunque sul pavimento, e i pochi fogli ancora interi recavano dei profondi solchi causati dagli artigli di Norvy.
“Non volevo arrivare a tanto, ma mi ha costretto! Amore, vammi a prendere quella cosa.”
“Quella? Sei sicura? Non staremo esagerando?”
“Francamente, me ne infischio. Consideralo un incipit della mia campagna punitiva/vendicativa verso di lui!”
Luca andò a prendere quella cosa, mentre Chiara preparò un agguato per Norvy: sparse dell’erba gatta sul divano ed attese, appostata dietro lo schienale. Luca la raggiunse e si nascose con lei.
Dopo qualche minuto, Norvy, venuto in cucina per prendere da bere, notò l’erba e iniziò a rotolarcisi in mezzo senza notare gli umani, che un attimo dopo gli furono addosso e lo immobilizzarono per bene.
“COSA VOLETE DA MEEE?!” urlò Norvy tentando di dimenarsi, invano. Luca lo teneva ben stretto per le zampe.
“Ho deciso di porre fine alla strage di carta igienica che si consuma ogni giorno nel bagno! Più e più volte ti abbiamo detto di smetterla, ma tu no, non ha voluto ascoltarci! Adesso la pagherai! Spero che ti piaccia il rosa…”
“Il rosa? Odio il rosa! Che c’entra il rosa? Non vorrai… non sono mica… NOOO! NOO!”
Chiara tirò fuori una scatolina trasparente: al suo interno c’erano quaranta gommini rosa creati apposta per rivestire le unghie dei più pestiferi e indisciplinati animali domestici, dei minuscoli guanti per artigli maleducati. .
“E smetti di agitarti, te la sei cercata! Vedi questi gommini? Una volta posizionati rimarranno al loro posto per almeno un mese! Non potrai più distruggere la carta igienica, le tende, il divano, l’armadio, il letto, i peluche, niente di niente! Le tue unghie saranno completamente rosa e INERMI!”
Impiegando circa il doppio del tempo previsto dalle istruzioni a causa della mancata collaborazione di Norvy, finalmente Chiara piazzò anche l’ultimo gommino rosa. Luca lasciò andare Norvy, che subito cerco di strappare i gommini a morsi, se pur senza successo.
“Sono incollati, non verranno via se non te li toglie qualcuno! E noi non lo faremo!” sogghignò Luca, che sotto sotto provava un po’ di pena per il povero micio.
“VI ODIO! VI ODIOOO! UMANI MALEDETTI! LA PAGHERETE CARA!” gridava Norvy tentando invano di prendere a unghiate una sedia.
“Vuoi un paio di polpette?” domandò Luca, con voce calma.
“Sì, grazie, ma non scaldarle troppo!” rispose Norvy, sedendosi a tavola per aspettare le polpette.

– FINE DODICESIMA PUNTATA-

Chiara

P.S.: Questi gommini rosa esistono davvero! Si chiamano “Soft Paws” e sono disponibili per cani e gatti.
Vanno applicati con una colla atossica e rimangono in posizione per varie settimane, senza provocare dolore agli animali che li indossano. Possono essere particolarmente utili in caso di gatti aggressivi o scapestrati, come Norvy, che vivono in casa ed escono di rado.
I gommini sono stati inventati per arginare il “declawing”, un’operazione chirurgica legale in molti paesi del mondo che prevede l’asportazione definitiva degli artigli dei gatti tramite l’amputazione dell’ultima falange. I gatti che subiscono questa operazione non potranno mai più arrampicarsi, cacciare o alleviare lo stress su un tiragraffi. In Italia il declawing è illegale e considerato crudele verso gli animali.

Cenerentola vs Belle: Princess Rap Battle

Cenerentola e Belle sono pronte a darsele di santa ragione a colpi di rime taglienti in una Rap Battle nata dalla fantasia di Whitney Avalon, una simpaticissima youtuber che si diverte a indossare i panni delle principesse Disney e non solo!  Continua a leggere Cenerentola vs Belle: Princess Rap Battle

La vera storia delle principesse Disney: LA BELLA E LA BESTIA

I film della Disney fanno sognare, e conservano tutti un meraviglioso lieto fine… Ma cosa sarebbe successo se la Disney avesse rispettato le fiabe originali? Le fiabe della tradizione popolare presentano più di una versione; di seguito leggete quella che conosciamo noi. Ecco la vera storia de La Bella e la Bestia. Continua a leggere La vera storia delle principesse Disney: LA BELLA E LA BESTIA