Il film di Death Note (SPOILER)

Ho appena visto il film di “Death Note”, ispirato al manga/anime “Death Note”,  la cui trama ruota intorno a un quaderno capace di uccidere quando vi viene scritto il nome di una persona avendone in mente il volto. Onestamente non credo che quelli che ci hanno lavorato abbiano la minima idea di cosa sia davvero “Death Note”. Sì, so benissimo che doveva essere un remake americano, ma c’è differenza tra prendere spunto da qualcosa e snaturarla definitivamente, soprattutto quando ci si fregia dello stesso titolo. Non so nemmeno da dove cominciare per dire quanto è tutto sbagliato… Iniziamo parlando della veste splatter di questa rivisitazione. “Death Note” è pieno di gente morta, ma non si vedono mai scene piene di sangue e di pezzi di cervello che volano addosso ai passanti… Onestamente ne avrei fatto a meno.

Parliamo di “Light Turner”, la versione americana di Light/Raito Yagami, e di L. Avete presente le meravigliosa sfida di cervelli tra loro due? DIMENTICATEVELA. Light adesso è una versione light  di se stesso, annacquato e privo di strategia. L poi, non parliamone. Niente deduzioni, niente discorsi flemmatici, anzi: L è un personaggio pieno di tic, emotivo, rabbioso al punto di impugnare una pistola. Addirittura in una scena piomba in casa Yagami/Turner e si mette a fare a botte con Soichiro/James, il padre di Light. Chi ha visto l’anime/manga si ricorderà la scena in cui L e Light si picchiano; L era in grado di apparire calmo anche in quel frangente, non alzava mai la voce ed era in grado di spiegare logicamente ogni scelta. Se questo nuovo L fosse stato nell’anime di Death Note, Kira starebbe ancora mietendo vittime indisturbato.

Un appunto anche per Mia/Misa: la dolce idol che uccideva nel nome di Kira per aiutarlo e guadagnare il suo amore in stile yandere si è trasformata in una cheerleader assetata di sangue che non da minimamente retta a Light, arrivando al punto di scrivere il suo nome sul quaderno.

Il personaggio più snaturato di tutti è probabilmente Ryuk. Da essere neutrale in veste di puro spettatore è diventato un individuo manipolatore che si diverte a far saltare la luce con la sua presenza.

Quello che ci ha rimesso più di tutti in questo remake è probabilmente il Death Note stesso: le regole sono state cambiate enormemente e usate in malo modo. Avete presente Watari? Ovviamente il nome con cui era noto era uno pseudonimo, ma stranamente scrivere “Watari”, senza nome di battesimo, è bastato comunque a uccidere l’assistente di L, trucidato proprio mentre tentava di cercare il vero nome di L stesso. Inoltre adesso la morte di un individuo può essere evitata se la pagina sui cui è scritto il suo nome viene bruciata, si può programmare la morte con un anticipo di soli due giorni, il proprietario del quaderno ne perde il possesso se non lo usa per sette giorni e soprattutto NON esiste la possibilità di acquisire gli occhi dello Shinigami, mandando completamente al diavolo il senso di tutto “Death Note”.

Sul finale non mi pronuncio: è un finale strano che non conclude niente, per quanto mi riguarda.

Consiglio la visione del film solo a chi non è fissato con Death Note e non ha visto/letto niente in proposito. A tutti gli altri, consiglio la visione a proprio rischio e pericolo di arrabbiature costanti.

“Alice attraverso lo specchio”: perché mi ha fatto storcere un po’ il naso

KIRIA pensante scrive: premetto che quella che state per leggere non è altro che la mia umilissima opinione, senza la pretesa di fare critica cinematografica.

Quando è uscito il trailer di “Alice attraverso lo specchio“, sull’onda dell’esaltazione, mi sono letta entrambi i libri di Lewis Carroll dedicati ad Alice, ovvero “Alice nel Paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò“. Il film di Tim Burton “Alice in Wonderland“, per quanto poco fedele al libro, ricreava piuttosto bene l’atmosfera carrolliana anche nei dettagli; ad esempio le mosche cavalline, simili a dei piccoli cavalli a dondolo alati, sono del tutto identiche a quelle descritte nel libro. Per esigenze di scena, molte situazioni e molti personaggi sono state tralasciati o ingigantiti in favore di soluzioni maggiormente sceniche (chiunque abbia letto i libri saprà che il Ciciarampa, o Jabberwock, o come lo si vuol chiamare, non è altro che una poesia nonsense e che l’epica battaglia combattuta da Alice è solo un’invenzione cinematografica. “Alice in Wonderland” ha comunque donato l’illusione di un Paese delle Meraviglie pulsante di vita propria e popolato di personaggi dalle personalità eccentriche, personaggi per altro realmente esistenti anche nel libro, come il Cappellaio Matto, lo Stregatto, Il Bianconiglio, Pinco Panco e Panco Pinco, il Leprotto Bisestile, il Ghiro, la Regina Rossa e la Regina Bianca. Non ho apprezzato molto la fusione che ha operato Tim Burton tra la Regina di Cuori e la Regina Rossa degli scacchi (personaggi rispettivamente del primo e del secondo libro), confluite entrambe a creare un personaggio sanguigno e infantile, ovvero la “Capocciona Maledetta”, come viene definita durante il film, ma posso dire che il personaggio è comunque ben riuscito.

Passiamo ora al sequel. Tralascerò il fatto che non è stato aggiunto nemmeno un personaggio del secondo libro, e che l’unico personaggio importante che ci viene presentato appartiene solo alla fantasia della sceneggiatrice. Alice viene richiamata nel Paese delle Meraviglie per aiutare il Cappellaio Matto a ritrovare la sua famiglia e l’unico modo per farlo è attraverso un viaggio nel Tempo. Si scopre subito che il Tempo è una persona, nella fattispecie un personaggio ironico e un po’ ridicolo, magnificamente riuscito. Ecco, il Tempo è probabilmente uno dei motivi per cui vale la pena vedere il film. Per quanto riguarda il resto: i personaggi del prequel vengono ripresi pari pari, ma viene tolta loro parecchia scena; la diatriba tra Regina Rossa e Regina Bianca viene finalmente risolta una volta che viene alla luce il motivo idiota che l’ha scatenata, troppo idiota anche per i membri del Paese delle Meraviglie, che dovrebbero essere caratterizzati da un umorismo nonsense, e non dal rancore o dalla gelosia. La morale di fondo è un tantino scontata: la famiglia è importante e il tempo che si ha a disposizione va usato bene. Una volta che Alice ha imparato queste verità, abbandona per sempre il Paese delle Meraviglie e torna a vivere come una persona normale.

Ma allora non mi è piaciuto proprio?
Non fraintendetemi: la recitazione è ottima e gli effetti speciali sono incantevoli, ma è la trama ad avermi lasciata un po’ perplessa. Forse avrei voluto vedere qualche personaggio del secondo libro, o forse mi sarei accontentata di una maggior coerenza con il primo film; ho trovato certe scelte forzate e altre inspiegabili. Nel complesso il film è godibile a patto di non concentrarsi troppo sugli eventi, quanto sulle singole scene.
Personalmente, credo che i film, soprattutto quelli ben riusciti, non dovrebbero avere dei sequel, perché il rischio che il risultato non regga il confronto è alto. Se fosse stato un film a sé stante, e non fosse stato “ripreso” da nessun libro, forse il mio parere sarebbe stato diverso.

Lo consiglio?
Se non avete letto i libri o non vi importa che il film discosti così molto dai libri di Carroll, sì. Se vi piacciono gli effetti speciali e le ambientazioni bizzarre, sì. Se vi piacciono gli attori principali, sì. Se volete vedere un film con una trama solida e priva di forzature, no.
La discesa nella tana del Bianconiglio è stata un po’ meno piacevole, questa volta, per quanto mi riguarda.

Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – IL FILM SBAGLIATO – 8°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

Come di consueto, Luca e Chiara, dopo aver cenato, si ritirarono nello studio per registrare qualche video. Norvy rimase da solo in salotto, con il telecomando e il televisore a sua disposizione.

Un paio d’ore dopo, Luca e Chiara, andarono a vedere se Norvy si fosse già addormentato in qualche angolo della casa per portarlo nel suo letto; invece lo trovarono perfettamente sveglio, con gli artigli conficcati in una trave del soffitto.
“Scendi di lì subito!” disse Luca.
“NO! Non posso! Ho paura!” rispose Norvy, in preda al terrore.
“Cos’è che ti spaventa tanto?” sbuffò Chiara.
“Un maniaco! Un pazzo! Un killer! Uno che va in giro con un cappuccio in testa e una maschera bianca!”
“Ma dove? Dov’è questo maniaco?” chiesero Luca e Chiara, preoccupati.
“Alla tv! C’era un tizio che uccideva la gente con in faccia una maschera che sembra “L’urlo” di Munch!”
Luca e Chiara sospirarono per il sollievo.
“E’ VERO! È un pazzo che telefona alla gente e poi la squarta!” insistette Norvy.
“Tu hai visto “Scream”! Puoi scendere, qui non c’è nessuno. Era tutto finto!” disse Chiara tendendo le braccia.
“Siete sicuri?” chiese Norvy, ancora in apprensione.
“Guardi “Game of Thrones” senza batter ciglio e ti fa paura un tizio con la maschera? Vuoi fare un giro della casa insieme a noi?” propose Luca.
“Sì, ma prendete qualcosa di affilato per essere tranquilli! E poi “Game of Thrones” si capisce che è finto! Nessun gatto sarebbe così sciocco da farsi acchiappare da quella Stark!” Norvy saltò tra le braccia di Chiara, mentre Luca andò a prendere un coltello da arrosto.

Luca e Chiara sapevano che Norvy non si sarebbe calmato finché non avessero ribaltato ogni stanza da cima a fondo.
“Controlliamo sotto il vostro letto! E sotto il mio!… Uhm.. Nell’armadio? … Va bene, ora andiamo in cucina…Nella credenza? Sotto il tavolo? Nell’armadietto delle scope? In frigorifero? Ok, ora in salotto… Dietro il televisore? Dietro la tenda? Sotto il divano?”
“Come fa una persona a entrare sotto il divano? E sotto il tuo letto, e nella credenza…?!” buffò Chiara.
“Ehm… in effetti…dietro il divano? Sotto quel tavolo? Adesso in bagno: nella vasca da bagno? No? E nel vostro studio? Sotto la scrivania? Dietro qualche scaffale?”
Alla fine Norvy si convinse di poter star tranquillo, e acconsentì riguardo l’essere messo a nanna.
Chiara lo appoggiò sul suo letto e lo coprì con la sua coperta preferita.
“Ti racconto una cosa. Quando avevo dodici anni, per sbaglio ho visto anche io quel film. Per due settimane, prima di andare a dormire, dovetti accertarmi che non ci fosse nessuno nascosto sotto il letto o nell’armadio. Sai cosa vuol dire questo?”
“Che eri una fifona?”
“Senti chi parla! No, voleva dire che certi film è meglio lasciarli a chi non si fa impressionare da niente! E ora dormi!”
“Posso avere il mio orsacchiotto?” chiese Norvy da sotto le coperte.
“Ma certo.” Chiara gli porse il suo peluche e se ne andò.

Erano circa le quattro di notte, Luca e Chiara si stavano infilando il pigiama per dormire.
“Posso mettermi la maschera e andare da Norvy con il coltello dell’arrosto?” sussurrò Chiara.

– FINE OTTAVA PUNTATA-

Chiara