Le avventure di Norvy, il Gatto Immaginario di Luca e Chiara – 2°pt

Quella che state per leggere è una storia a puntate ricca di follie. Non leggetela se sperate di trovare qualcosa di sensato.
Qui trovate la puntata precedente.

“NOOORVY!” gridò Chiara, arricciando il naso per il disgusto.
“Che c’è, adesso? E’ la quinta volta che mi urli contro, oggi. Devo spazzolarmi il pelo!”
“Facciamo finta che io sia d’accordo con il fatto che tu usi il nostro stesso bagno. Facciamo anche finta che non sia un problema che tu distrugga un rotolo di carta igienica al giorno… Ma non potresti almeno tirare lo sciacquone, ogni tanto?”
“Uff, quante storie. Non ce la faccio a usare quel congegno, è troppo complicato.” Rispose Norvy, facendo ondeggiare la coda.
“Sai usare il mouse, andare su Internet, postare immagini del tuo fondoschiena peloso su Instagram e non sai premere un dannatissimo bottone?!” Urlò Chiara, spazientita.
“Smettila di urlare! I gatti hanno un udito molto più raffinato del vostro, quindi non hai alcun bisogno di alzare la voce.”
“Togli subito tutti quei peli che hai lasciato sul tappeto. E tu, per cortesia” disse rivolgendosi a Luca “ordina altre dieci di quegli arnesi per togliere i peli di gatto dai vestiti. Oggi volevo mettermi l’abito blu ed era in condizioni indecenti!”
“Oh, l’abito blu… Mi piace quell’abito… Non è che me lo regali?” Disse Norvy sbattendo gli occhi.
“Non mi sembra della tua misura. Se vuoi te ne faccio fare uno uguale! Ma sappi che per gli umani la gonna è considerata abbigliamento femminile, a meno che non si parli della Scozia.”
“Abbigliamento femminile, dici? Perché, sei una femmina, tu?”
Il volto di Chiara divenne livido di rabbia.
“Ehi, non ti scaldare tanto! Per noi gatti voi umani siete tutti uguali. Non dirmi che tu riesci a capire che sono un maschio solo guardandomi in faccia?”
“LUCA, OCCUPATI TU DI QUESTO COSO. IO VADO A SFOGARMI CON UN PO’ DI SHOPPING COMPULSIVO ONLINE. E USERO’ LA TUA CARTA.”
Detto questo, Chiara sbattè la porta alle sue spalle.
Norvy si rivolse a Luca, alquanto sconcertato.
“Ma che ho detto di male?” domandò.
“Vedi, Norvy, Chiara è una femmina, e come tutte le femmine si arrabbia per motivi incomprensibili, ti urla contro anche se non hai fatto niente e si offende se non ti accorgi che ha cambiato vestito o acconciatura.”
“Ma è terribile! E non si può proprio fare niente?” esclamò Norvy.
“Di solito le femmine tra di loro non si comportano così. Pare che sia il comportamento dei maschi a farle arrabbiare.”
“Da grande capirò qualcosa di come funzionano queste cose, vero?”
“No, Norvy. Ci sono cose che un maschio non può capire. Però sii gentile con Chiara e magari deciderà di comprartelo davvero, quel vestito blu.”

– FINE SECONDA PUNTATA-

Chiara

La vera storia delle principesse Disney: CENERENTOLA

KIRIA Pensante scrive: I film della Disney fanno sognare, e conservano tutti un meraviglioso lieto fine… Ma cosa sarebbe successo se la Disney avesse rispettato le fiabe originali? Le fiabe della tradizione popolare presentano più di una versione; di seguito leggete quella che conosciamo noi. Ecco la vera storia di Cenerentola. Una fiaba da sogno, che pare creata proprio per donare speranza a chi vive in una realtà infelice, forse nasconde radici molto più dolorose… Continua a leggere La vera storia delle principesse Disney: CENERENTOLA