Tag: regno

CAPITOLO 3 – L’infanzia della Luna nuova | L’ultima regina

Durante una notte di luna nuova, la regina Gealis e il re Skal Iliwa, principe dell’Aratolia, diedero al regno la piccola principessa Zirfis, futura monarca di Elberas. Ella fu cresciuta con tutto l’amore e la dedizione di cui sua natura vivace e intelligente necessitava.
Trascorsero cinquanta lune piene e una nuova principessa venne al mondo, prima che luna ritornasse nera. Costei venne chiamata Margas e sua sorella l’amò perdutamente fin dal primo istante in cui la vide. Le due bambine divennero inseparabili, crescendo insieme in grazia e bellezza. Le loro indoli erano differenti, ma egualmente forti: l’una esuberante ma talvolta imperscrutabile, l’altra posata e acuta.
Non discorreremo adesso della storia di Margas, ampiamente illustrata nelle pagine successive, ma di quella di Zirfis.

Continua a leggere

CAPITOLO 2 – Figlie della Luna | L’ultima regina

«E così, da quel giorno, accanto alla rosa rossa dei Kindreik venne aggiunta una tigre bianca rampante, simbolo dell’unione con la stirpe della Luna. Dopo tre anni dal loro matrimonio, Menulis e Aurisio diedero alla luce una splendida bambina dotata di tutti i poteri della madre… Esattamente come noi.»
Mia madre chiuse il pesante volume di storia che aveva in mano e lo posò di fianco a sé, sull’erba.
«Invece Krales ha ereditato la Preveggenza dal principe Aurisio?» domandai.
«Sì, piccola mia. Comunque, è giunto il momento che tu sappia una cosa…»

Continua a leggere

CAPITOLO 1 – Il principe e la tigre | L’ultima regina

Il principe Aurisio Hayrik Arudam Kindreik si svegliò di soprassalto nel cuore della notte. Non erano stati un brutto sogno o un rumore a destarlo, eppure provava un senso d’inquietudine crescente. Si alzò dal letto, scostò la pesante tenda di broccato blu e spalancò la finestra per lasciar entrare l’aria fresca della notte. D’improvviso, dinnanzi ai suoi occhi si materializzò un’immagine così nitida da sembrare reale: era lui al galoppo verso la Foresta Sacra, il bosco che nessun essere umano doveva violare, dove vivevano gli spiriti della terra e del cielo.

Continua a leggere